Scopri la Storia dei Pattern Kioku

IPNOTICA

Viaggio come memoria, come natura, come ricerca artistica. Parte da qui, da una particolare tensione tra arte e natura, Ipnotica first edition di Kioku.

Nata da un’alchemica rilettura di memorie di viaggio catturate da una macchina fotografica, questa serie di ‘oggetti-vestiti’ racconta l’incontro inaspettato tra il Giappone e i Parchi Occidentali americani. Da questa ispirazione, dove la realtà si fonde con il sogno, prendono vita ipnotici disegni trasposti su twill di seta da antiche seterie comasche.

Il risultato, una poesia sartoriale di nove caleidoscopiche fantasie per dodici outfit, dà luogo a oltre cento diverse combinazioni e consente alla persona che lo indossa di giocare con infinite possibilità di interpretazione, senza orari, vincoli, né barriere.

L’essenzialità delle proporzioni, la purezza dei volumi, l’utilizzo di un materiale prezioso, la seta, e una lavorazione artigianale, rigorosamente italiana, costituiscono il cuore di questo progetto fatto di capi dalla linea morbida che, sottolineando le forme senza segnarle, fluttuano sul corpo, assecondandone i movimenti.

Ne emerge una silhouette naturale, sottile come un tratto di matita, in cui il nitore estetico si fonde con ipnotici labirinti di colore che riflettono di volta in volta energetici lampi luminosi o la delicatezza di un fiore che assume diverse sfumature alla luce di un’alba o di un tramonto. È il caso dei toni rosati Hanami Blossom, formata dai tappeti-mandala di petali di fiore di ciliegio, o dei cangianti riflessi verdi che esplodono in Green Heights, viaggio tra le millenarie sequoie dell’omonimo parco americano.

Così, come in una sorta esercizio di libere associazioni tornano in mente le parole di Roland Barthes quando nell’Impero dei segni scriveva: “posso prelevare in quella parte del mondo – laggiù – un certo numero di tratti e con questi farne deliberatamente un sistema”. Moderno e atemporale, al tempo stesso.

Modelli Donna

Modelli Uomo

Morning Dome

Half Dome si staglia imponente nel cuore dello Yosemite Park, in California, sovrastando la foresta dall’alto dei suoi 2700 metri. È il sasso di granito più famoso del parco e le sue pareti cambiano colore durante il giorno, col variare della luce. Morning Dome è il riflesso freddo e metallico della roccia all’alba.

Afternoon Dome

Il granito dell’Half Dome, la vetta più famosa dello Yosemite Park, cattura lo sguardo da lontano, svettando a 2700 metri sopra la foresta che lo circonda. La sua roccia cangiante assume le più varie sfumature al passaggio del sole. In Afternoon Dome c’è la nuance calda del tramonto.

Green Heights

Ti senti piccola piccola, come in una favola, quando ti muovi fra le migliaia di sequoie millenarie del parco nazionale di Sequoia, in California. Un labirinto verde e vertiginoso, che attraversi con lo sguardo in su, persa nel gioco di luci e foglie dai mille riflessi. Quelli intessuti in Green Heights.

Z Point

Sembra la luna ma è la California, Zabriskie Point. Forse la più famosa collezione di calanchi al mondo, antica milioni di anni. Sicuramente il migliore punto di osservazione per apprezzare le variazioni di colore, giocate dal sole del deserto, sulla roccia. In una mattina torrida d’agosto.

Desert Sweets

I cowboy, che li inseguivano sotto le torri di arenaria rossa che dominano la Monument Valley, li chiamavano indiani. I nativi Navajo, giunti dal Canada in questo pianoro fra Nevada e Utah, hanno lasciato qui notevoli esempi di arte rupestre. Che si nascondono, riflessi, in questa collezione.

The Temple

Considerato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, Kiyomizu-dera è un tempio buddista ad est di Kyoto e fa parte dei Monumenti Storici dell’antica capitale del Giappone. È proprio la porta d’ingresso al tempio della Pagoda a tre piani, “Sanjuno-to”, a nascondersi, moltiplicata, in questo mandala.

Bamboo Forest

Arashiyama, a ovest di Kyoto, ospita una delle più famose foreste di bamboo del Giappone. Alti fra i 5 e i 20 metri, i bamboo costruiscono un’atmosfera avvolgente, che coinvolge tutti i sensi, lasciando ricordi indelebili. Quelli incisi dalla luce di una giornata uggiosa sono riflessi nelle pieghe di questa composizione.

Sanctuary

Dedicato al Dio del Riso, il santuario shintoista Fushimi Inari Taisha, con la sua vertiginosa galleria di mille Torii arancioni, ti propone un cammino spirituale lungo la montagna Inari. Mille porte di bamboo, laccate in arancione e decorate da scritte votive, che si riflettono in questa composizione caleidoscopica.

Hanami Blossom

L’Hanami è il momento più atteso per visitare il Giardino Nazionale Shinjuku Gyo-en a Tokyo. Durante la fioritura dei ciliegi, sul verde brillante dei prati cosparsi di petali bianchi e rosa, s’intreccia un tappeto che cambia disegno ad ogni soffio di vento. Uno di questi attimi irripetibili è catturato e moltiplicato in Hanami Blossom.